Diarrea nei neonati

 

Diarrea nei neonatiLe feci dei bambini sono normalmente regolari, sciolte e morbide. I neonati di norma hanno evacuazioni abbastanza frequenti, e molto spesso i neonati evacuano ad ogni pasto o ad ogni poppata. Per questi motivi, i genitori possono avere difficoltà nel discernere se e quando il neonato soffre di diarrea. Di norma, si può cominciare a sospettare che il bambino abbia la diarrea se si verificano cambiamenti nell’evacuazione, ad esempio se evacua improvvisamente senza aver mangiato, o se ha più di una evacuazione per pasto o se presenta delle feci dalla evidente consistenza acquosa.

Le cause di diarrea

La diarrea nei bambini ha una durata solitamente molto breve ed è il più delle volte causata da un virus che si elimina da solo. Il bambino potrebbe soffrire di diarrea però anche per le seguenti cause:

  • un cambiamento nella dieta del bambino o un cambiamento nella dieta della madre, se la madre si trova nella fase di allattamento al seno;
  • l’uso di antibiotici da parte del bambino, o l’uso degli stessi da parte della madre, se si è sempre nella fase di allattamento al seno;
  • un’infezione batterica. In questo caso al bambino dovrà essere prescritta dal pediatra l’assunzione di antibiotici per eliminare il problema;
  • un’infezione da parassiti. In questo caso al bambino dovrà essere prescritta, sempre dal pediatra, una medicina specifica per il tipo di infezione parassitaria;
  • malattie rare come la fibrosi cistica.

La diarrea provoca disidratazione

I neonati e i bambini di età inferiore ai 3 anni possono rischiare di disidratarsi abbastanza rapidamente a causa della diarrea e ammalarsi assai più gravemente. La disidratazione significa che il bambino non ha più un livello accettabile di acqua o liquidi nell’organismo. I genitori devono controllare attentamente il bambino per scorgere sin da subito eventuali sintomi di disidratazione, che possono comprendere:

  • occhi asciutti e poche o nessuna lacrima quando piangono;
  • pannolini meno bagnati del solito;
  • bambino meno attivo del solito o addirittura tendente al letargico;
  • irritabilità;
  • bocca asciutta;
  • pelle secca, che non ritorna alla sua solita forma dopo essere stata premuta;
  • occhi infossati;
  • fontanelle affossate (il punto morbido sulla testa).

Prendersi cura del bambino

Cura per la diarrea nei neonatiNel caso il bambino soffra di diarrea bisogna assicurarsi che possa disporre di una quantità di liquidi sufficienti da non rischiare di soffrire di disidratazione, e pertanto occorrerà:

  • mantenere l’allattamento del proprio bambino se ci si trova nella fase di allattamento al seno, in quanto l’allattamento al seno aiuta a prevenire la diarrea e il bambino potrà riprendersi più rapidamente;
  • se invece si sta usando il latte in polvere, preparare una dose rinforzata a meno che il pediatra non sia di diverso avviso. Se il bambino sembra avere molta sete dopo il pasto o tra i differenti pasti col latte in polvere, consultare il pediatra al fine di verificare se nutrire il bambino in altro modo (ad esempio con Pedialyte o Infalyte). Il pediatra infatti potrebbe raccomandare queste sostanze liquide nutritive indicate per la diarrea in quanto contengono elettroliti;
  • provare a dare al bambino 2 cucchiai o 30 millilitri di Pedialyte o Infalyte, ogni 30-60 minuti. Non occorre diluire il Pedialyte o Infalyte e non bisogna assolutamente dare bevande sportive o integratori di sali minerali ai neonati.
  • se il bambino dovesse vomitare, bisogna dare loro solo un po’ di liquido alla volta. Iniziare quindi con appena 1 cucchiaino (5 ml) di liquido ogni 10-15 minuti. NON dare mai al bambino alimenti solidi quando soffre di vomito.

Nutrire il bambino

Se il bambino si nutre normalmente con cibi solidi prima che cominci a soffrire di diarrea, allora si potrà nutrirlo con alimenti che risultano poco pesanti e ben accettati da uno stomaco in subbuglio, come ad esempio:

  • banane;
  • crackers;
  • crostini;
  • pasta;
  • cereali.

Non date al bambino alimenti che che potrebbero renderebbe la diarrea ancora peggiore, come ad esempio:

  • succo di mela;
  • latte;
  • cibi fritti;
  • succhi di frutta molto concentrati.

Prevenzione della dermatite da contatto col pannolino

Il bambino potrebbe avere una dermatite da pannolino a causa della diarrea. Per prevenire la dermatite da pannolino:

  • cambiare spesso il pannolino del bambino;
  • pulire il sederino del bambino con acqua. Diminuire l’utilizzo di salviette umidificate per bambini mentre il bambino ha la diarrea;
  • lasciare asciugare all’aria il sederino del bambino;
  • utilizzare una crema idratante/lenitiva indicata per i bambini che usano il pannolino.
  • lavarsi bene le mani per impedire che i genitori, o altri che assistono il bambino, possano ammalarsi con la diarrea, in quanto la diarrea causata dai germi può diffondersi facilmente.

Quando chiamare il pediatra

Pediatra per diarreaChiamare il pediatra se il bambino è un neonato che ha meno di 3 mesi e ha la diarrea.
Chiamare anche se il bambino ha i sintomi della disidratazione, tra cui:

  • bocca asciutta e appiccicosa;
  • nessuna lacrima quando piange;
  • nessun pannolino bagnato per 6 ore.

Chiamare se si riconoscono i sintomi di un mancato miglioramento della condizione di salute del bambino, tra cui:

  • febbre e diarrea che durano da più di 2/3 giorni;
  • più di 8 evacuazioni in 8 ore;
  • il vomito continua per oltre 24 ore;
  • la diarrea contiene sangue, muco o pus;
  • il bambino è molto meno attivo del normale;
  • sembra avere dolore allo stomaco.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.